Retrocamera per Manovre, Obbligatoria …?

Diventa obbligatoria in America la retrocamera per le manovre. Da uno studio dell’ National Highway Traffic Safety Administration, l’ente federale per la sicurezza stradale che ha dimostrato come ogni anno muoiano 210 persone in incidenti dati da retromarcia. La metà di queste vittime, si sarebbero potute salvare grazie a una retrocamera posteriore perché il pilota non poteva vedere dietro la coda dell’auto.

I bambini sono le vittime principali di queste statistiche e così il governo Usa ha reso obbligatoria la retrocamera per le manovre: dal 1 maggio nessuna auto potrà mancare di questo dispositivo.

Nella norma – nel momento in cui si ingrana la retromarcia si deve accendere da sola la telecamera e deve inquadrare  minimo un’area di 3 metri per 6 dietro l’auto.

L’obbligo è scattato, ma la legge è stata introdotta 4 anni fa, dando tempo così alle case automobilistiche di adeguarsi alla produzione sui nuovi modelli.

OFFICINA COTABO raddoppia le sedi e moltiplica i servizi.

OfficinaCotabo_IpergommeLe sedi di Ipergomme saranno i nuovi punti strategici dell’azienda in città, per offrire un’assistenza a 360° ai propri clienti. Il trasferimento è previsto da gennaio 2018.

Il 2018 di Officina Cotabo inizia con un passo deciso verso il rinnovamento e l’ampliamento dei servizi messi a disposizione della propria clientela. Officina Cotabo, infatti, traferisce le sue attività dalla storica sede di Via Stalingrado alle due strutture di Ipergomme, importante realtà bolognese specializzata nel montaggio e rivendita delle migliori marche di pneumatici.

Si tratta di un’operazione particolarmente significativa per Officina Cotabo, che recentemente si è fusa con Ipergomme per aumentare il suo presidio sul territorio e completare la sua già ampia offerta di prestazioni.

Le nuove sedi di Officina Cotabo-Ipergomme sono in via Mazzini 26, a Bologna e in via Cadriano 11, a Cadriano (BO) e saranno attive da gennaio 2018. Oltre al montaggio e rivendita pneumatici sarà possibile usufruire dei servizi di officina, carrozzeria, revisioni auto e moto, elettrauto, impianti gpl e metano e trasformazione auto per diversamente abili, godendo della consueta professionalità e cortesia messa a disposizione da tutto lo staff.

“Abbiamo fortemente voluto questa espansione, nel segno dell’attenzione al cliente e della crescita tecnologica – affermano Giuseppe D’Ercole e Gabriele Campazzi, titolari di Officina Cotabo-Ipergomme by Service Srl – Grazie alle più avanzate attrezzature dedicate al mondo dell’automobile e i nuovi spazi dedicati ai nostri clienti, proporremo un servizio veloce e di qualità, a disposizione 365 giorni all’anno. Una vera e propria città dell’auto.”

E poi anche la TRAZIONE va DAVANTI

La prima auto a trazione anteriore fu, nel 1929, la Cord L-29, prodotta da una casa americana. Il primato della Cord è condiviso con la francese Tracta. Così che la prima vettura che ha portato  a conoscenza la trazione anteriore è stata la Citroen Traction Avant nel 1934, quale auto rivoluzionaria. All’epoca la trazione anteriore era un vero tabù, tant’è che la Fiat arrivò solo negli anni ’60, usando come prototipo l’Autobianchi Primula del 1965, la prima auto del gruppo a trazione anteriore (in Italia la prima auto prodotta in serie è stata la Lancia Flavia del 1960). Oggi la soluzione “tutt’avanti” rappresenta la normalità: c’è più spazio a bordo, la meccanica è più compatta e la guida è più facile.

Il Motore VA davanti..

Il motore anteriore e, trazione anteriore è la soluzione più redditizia, in termini di costi produzione e di praticità di guida. Storicamente, agli albori della produzione automobilistica mondiale, le auto concentravano l’intera meccanica nella zona posteriore.

Pensare che i primi motori alle carrozze, non possedevano i giunti omocinetici, quindi era necessario separare l’asse di trazione con quello di direzionalità. Quindi, il motore venne sulle ruote posteriori, mentre le ruote anteriori furono lasciate libere di girare. Questa soluzione è rimasta  per decenni, nel tempo applicata ad auto come la Fiat 500 e Maggiolino Volkswagen. Il motore, dopo alcuni anni, si è spostato anche all’anteriore, per ragioni di raffreddamento e di distribuzione dei pesi, ma la trazione rimaneva posteriore.

Disposizione del motore nelle auto?

Come capire la posizione del motore in un’auto?

Anteriore, anteriore centrale, centrale o posteriore a sbalzo?

 Il motore è il cuore di ogni auto. Nel primo articolo di questo blog di Informazione parliamo di disposizione “motore” all’interno del corpo vettura, perché bisogna sapere dove collocarlo prima di progettarlo. Per capire la posizione del propulsore rispetto alla vettura,  prendiamo  in riferimento i due assi, anteriore e posteriore. L’asse è la linea retta che unisce, idealmente o fisicamente, le due ruote orizzontalmente rispetto alla lunghezza dell’auto. Per le ruote davanti si parla di avantreno, per le posteriori di retrotreno.

Anticipato obbligo gomme Invernali e catene a bordo!

Anticipo-obbligo-gomme-da-neveOggi Neve?

….e l’obbligo di gomme termiche montate o catene da neve a bordo è scattato anticipatamente, dal 15 Novembre all’ 11 novembre nella maggioranza delle Regioni italiane.

COSA SI RISCHIA? – In caso di violazione dell’obbligo di pneumatici invernali o catene, la sanzione varia in base al tipo di strada su cui è commessa l’infrazione: in un centro abitato è prevista una multa minima di 41 euro, mentre fuori da centri abitati si parte da 84 euro. In autostrada si va da un minimo di 80 a un massimo di 318 euro, con la decurtazione di 3 punti dalla patente.

La sicurezza in strada è importante! Non rischiare, Chiedi una consulenza ad Officina Cotabo !

Cose da sapere su cambio olio e filtro

Cambio Olio

L’olio  motore oltre a lubrificare tutti i componenti meccanici, ha la funzione di proteggere il motore da impurità.

Nelle auto moderne viene segnalato quando ci sono problemi di mancata lubrificazione, oppure per verificare manualmente basta aprire il vano motore e controllare l’asticella del livello dell’olio.
Una regolare lubrificazione garantisce un corretto funzionamento del motore, evitando malfunzionamenti e ottenere così sempre il massimo in termini di prestazioni.

La sostituzione è indicata sul libretto di uso e manutenzione dell’ auto, nei modelli più recenti una spia presente sul cruscotto avvisa con anticipo quando sia giunto il momento di effettuare il cambio, non esiste una percorrenza standard uguale per tutte le auto, per cui si consiglia sempre una verifica.

Ogni auto ha bisogno di una tipologia di olio specifica, questa indicazione è fornita dal costruttore nel libretto di uso.
Officina Cotabo utilizza tecnologie di ultima generazione per trovare sempre l’olio più giusto per il vostro motore e si affidano solo a partner di eccellenza.

Filtro olio

Il Filtro dell’olio ha il compito di raccogliere impurità che si generano durante la combustione evitando danni irreparabili, come il suo totale arresto.

Le tipologia di Filtro olio cambia a seconda del modello di auto, possono essere divisi in quattro categorie: magnetico, a sedimentazione, a centrifuga e meccanico. Nella maggior parte delle automobili in commercio si trova il Filtro meccanico.

Quest’ultimo è composto da un materiale cartaceo e si presenta con una forma cilindrica, ne esistono due.  Avvitabile, e  a immersione. In entrambi i casi, il Filtro possiede membrane che trattengono impurità, mantenendo l’olio sempre pulito e il motore sempre efficiente.
Di norma si consiglia il cambio Filtro olio ogni volta si effettua il cambio olio motore. Come indicazione generale per i veicoli più recenti il periodo per il cambio Filtro olio è compreso tra i 15.000 e i 30.000 km a seconda del motore presente sull’auto.
Qualora si volesse procedere da soli, se non si è particolarmente sicuri sul da farsi, il nostro consiglio è sempre quello di farsi seguire da una persona esperta.

Pericoli di un pneumatico con pressione errata

La pressione da applicare ai pneumatici sono disponibili all’interno dello sportello del serbatoio, sul fianco della portiera del conducente, nel manuale del vostro veicolo.

Le indicazioni per la pressione dei vostri pneumatici fanno riferimento a veicolo a pieno carico   e a veicolo a carico normale. La pressione dovrà essere verificata a freddo. In caso contrario, se vi fermate e i vostri pneumatici sono caldi, aggiungete 0.3 bar alla pressione indicata (1 bar = circa 1kg/cm2), non ridurre mai la pressione a caldo. Ricordatevi di controllare che valvole e  tappi siano al loro posto.

Viaggiare con una pressione errata comporta diversi rischi, infatti se sgonfio si surriscalda e può scoppiare in qualsiasi momento e l’usura del battistrada sarà più veloce sui lati, il  consumo di carburante aumenterà. Al contrario, il battistrada di un pneumatico con pressione troppo alta si consumerà molto più velocemente e sarà più vulnerabile se viaggiate su una strada dissestata.

Bisogna controllate la pressione almeno una volta al mese sopratutto quando le temperature esterne variano.

Pneumatici Sonar Winter

Con oltre 25 anni d’esperienza, il marchio Sonar è costruito presso unità produttive industriali di livello internazionale, in Estremo Oriente. L’ottima qualità e il servizio dato, hanno consentito a Sonar di acquisire oltre l’80% della quota di mercato della sostituzione di pneumatici. Sonar si avvale della collaborazione della Netherlands Europe Interstate Tyre & Rubber Company per realizzare pneumatici di qualità, utilizzabili in qualsiasi condizione atmosferica.

I Sonar «Winter» sono dotati di battistrada lamellari e apposite mescole di silice che garantiscono una guida sicura sul bagnato ed in presenza di neve e ghiaccio durante i  mesi invernali. Raggiungono la temperatura ideale di esercizio in poco tempo. Presentano marcatura M+S permettendoti di circolare in inverno in sicurezza e nel pieno rispetto del codice della strada.

Sonar è il pneumatico perfetto per ogni stagione.

Pneumatici JINYU Winter

Tenuta di strada robusta e morbida a basse temperature,  assicura stabilità anche in frenata, grazie alla  mescola in silicio: è la caratteristica dei Pneumatici JINYU Winter che si riconoscono anche per l’originale design del battistrada, garanzia di presa e manovrabilità su strade innevate o ghiacciate.

Le scanalature laterali del battistrada, si ampliano gradualmente per migliorare la capacità drenante  della gomma, mentre quelle longitudinali (a design alternato)  ottimizzano la funzionalità su terreno innevato.

Altro elemento performante della gomma è la nervatura centrale rinforzata, che assicura una maggiore maneggevolezza alle velocità più alte. Gli intagli di cui è dotata la ruota, invece, favoriscono l’aderenza e la capacità frenante su ghiaccio e neve.

Jinyu permette anche una riduzione del consumo di carburante, grazie alla mescola in silicio e al baricentro basso.